ANIMAL FARM. È il nuovo progetto discografico.

Dopo cinque anni da Nemo Profeta, il disco che ha aperto la strada al Nu Kombat Folk.

Animal Farm è ispirato alla letteratura distopica del ‘900 europeo. È dedicato al genio di Pier Paolo Pasolini, nell’anno del 100° anniversario della sua nascita. Come nel romanzo omonimo di George Orwell, la figura del maiale, l’animale geneticamente più vicino all’uomo, attraverso una lunga serie di ribellioni e rivoluzioni, conquiste politiche, sociali ed evolutive, piccole e grandi, riesce ad emanciparsi dalla sua condizione di bestia sottomessa, soggiogata e schiava del potere. Ispirato da principi di uguaglianza e solidarietà, finisce poi per tradire i suoi fedeli compagni e la sua stessa causa.

È un album concettuale che racconta la nostra società, in un periodo storico in cui si il sistema capitalista e imperialista occidentale si rivela in tutta la sua mostruosità e spietata aberrazione. L’illusione borghese tradita dai suoi stessi assurdi presupposti. Le grandi verità monolitiche si rivelano gigantesche menzogne. Ogni rivoluzione, lotta sociale e conquista ci ha fatto approdare ad una sempre più assurda e sofisticata condizione di finta libertà e nuova schiavitù. Un deserto, una gabbia senza sbarre da poter infrangere e tanto sconfinata da non poter sfuggire.

LA STORIA

È un progetto vivo, in continua evoluzione. Una sperimentazione continua e sempre aperta. Un laboratorio di idee e suoni. Con una identità forte, ma non fissa. Nasce dalla necessità di scoprire il folk, le radici. Si evolve nella consapevolezza, l’esigenza di trovare uno stile comunicativo contemporaneo, originale, innovativo.

RADICATO NEL PASSATO, VIVE NEL PRESENTE, PROIETTATO NEL FUTURO.

Fugge dagli stereotipi di un folk legato all’utilizzo di suoni e strumenti musicali anacronistici. Ma della musica popolare vuole mantenere vivo lo spirito, l’intenzione, l’ironia, la rabbia, i temi sociali e politici, lo sguardo sui fenomeni storici, attuali e del passato, visti da vicino, dal basso, DAL SUD!


Band rivelazione dalle potenzialità clamorose. Pupi infiammabili come fiammiferi rivoluzionari… Un trio mai visto.  Impressionante il leader Totò Nocera. Musica militante con un eccitante pop appeal.

(Marco Mangiarotti)


L’impegno sociale, storico e politico è sempre stato imprescindibile nel percorso artistico della band. La sperimentazione, la chiave del progetto.

Esordiscono nel 2010 all’XI Festival della Nuova Canzone Siciliana. Vengono subito apprezzati dal pubblico e dagli addetti ai lavori. Aprono molti concerti dei Modena City Ramblers in tutta Italia. Suonano sui palchi del Taranta SicilyFest, Forum Antimafia a Cinisi, Maggio Sermonetano, BasulaFest, Carovana Antimafia, MedFest, Festival dello Scorpione a Taranto, Milano Expo, Milano Ex Polis, Folkest, Mare e miniere, European Jazz Expo, Negro Festival, All you need is pop di Radio Popolare, Auditorium del Parco della Musica di Roma.

Nel 2013 e nel 2017 sono semifinalisti a Musicultura. Con “Cantu d’amuri” vincono Il premio “Musica contro le Mafie”. Nel giugno 2016 producono, con Aldo Giordano, il nuovo singolo “Li me’ paroli”, col quale hanno vinto l’importantissimo premio internazionale “Andrea Parodi”, il  “Tour Music Fest”. Sono stati finalisti al Premio Fabrizio De Andrè. Nel 2017, col disco “Nemo Profeta” sono finalisti alle Targhe Tenco. Nel 2018 vincono il Premio Voci per la libertà di Amnesty International.


Sembrano i Prodigy alla siciliana. A livello di esecuzione questi ragazzi sono delle macchine. C’è l’appeal giusto e una buona energia che cattura l’occhio dello spettatore. Un progetto dalle ottime potenzialità.

(Tour Music Fest)


 

 

Share

×

 


		

SHOP HERE!

a9cafaaee70ba48ac257d72ebdb0988ce76567c8d410e859f7pimgpsh_fullsize_distr l-fileb

CONTATTACI!

Scrivici per informazioni o per prenotare uno spettacolo.

Your Name (required)

Your Email (required)

Subject

Your Message